Seguici sui social

Facebook. Twitter. Instagram.

Newsletter Consorzio Tutela Grappa del Piemonte e Grappa di Barolo

Ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003 si precisa che le informazioni qui richieste rimangono riservate e ad uso esclusivo del Consorzio Tutela Grappa del Piemonte e Grappa di Barolo.

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
1 + 1 =
Risolvere questo semplice problema matematico e inserire il risultato. Ad esempio per 1+3, inserire 4.

Un pubblico riconoscente per la degustazione guidata delle grappe del consorzio

Un pubblico riconoscente per la degustazione guidata delle grappe del consorzio.

Alessandro Revel Chion, Simone Rovero, Michele Alessandria e Gianmaria Pasquale sono stati i relatori protagonisti della Serata d’Assaggio “Piemonte, una Regione che distilla”, andata in scena sabato 8 settembre a Palazzo Ottolenghi di Asti, all’interno del ricco programma della manifestazione settembrina. Una quarantina di partecipanti hanno potuto acquisire, dalle loro parole e dai loro racconti, una conoscenza approfondita dei distillati proposti, prodotti dalle aziende Revel Chion, Rovero, Marolo e Berta, apprezzando anche i piatti in abbinamento preparati da Cristina Pescio, cucinati con l’utilizzo delle stesse grappe presentate. Prezioso il servizio impeccabile degli uomini dell’ONAV astigiana, guidata dal nuovo direttore Francesco Iacono che ha aperto la serata con il suo saluto.
Il fascino e la curiosità che suscitano gli argomenti legati al “lambiccare” offrono sempre una grande attenzione a questo evento e il pubblico, ancora una volta, si è rivelato attento e partecipe, con domande che sono state stimolo alla conversazione. La grande qualità delle grappe ha poi fatto il resto: distillati giovani e invecchiati nei legni, curati con maestria lavorando vinacce fresche di Erbaluce, Nebbiolo da Barolo, Barbera e Moscato, hanno rappresentato i diversi territori del Piemonte dove, fin dall’antichità, si pratica l’arte artigianale della distillazione.
Continua intanto, al Banco d’Assaggio dello stesso Palazzo Ottolenghi, la proposta di degustazione di trentaquattro diverse tipologie di grappe delle aziende del consorzio, oltre ai nuovi cocktail con la grappa.

Un pubblico riconoscente per la degustazione guidata delle grappe del consorzio.
Un pubblico riconoscente per la degustazione guidata delle grappe del consorzio.
Un pubblico riconoscente per la degustazione guidata delle grappe del consorzio.